Matrimonio al verde. Come risparmiare per sposarsi. Trovare sponsor per il matrimonio. Desiree e Marco

Matrimonio al verde. Come risparmiare per sposarsi. Trovare sponsor per il matrimonio. Desiree e Marco

Siamo Desiree e Marco, entrambi sulla soglia dei 30 anni.

Ci siamo conosciuti a Bologna nel 2010 mentre frequentavamo entrambi la laurea specialistica, io in Antropologia dei sistemi religiosi e Marco in Biotecnologie molecolari. Una volta laureati ci siamo sentiti catapultati nella classica voragine in cui tutti i laureati prima o poi si trovano,e tra lavoretti vari, sacrifici e rinunce siamo riusciti per qualche anno a sopravvivere in una città che non è per nulla economica, a quel punto ci siamo ritrovati a fare una scelta ed a cercare di capire in che modo volevamo vivere e su quali principi basare la nostra esistenza. Le possibilità erano due: Nord o Sud. Lombardia o Puglia (entrambi nostri luoghi di nascita).Avevamo bisogno di un luogo in cui avere almeno un appoggio iniziale e cosi abbiamo scelto di tornare (in realtà per me non era nulla di nuovo, o quasi, Marco invece si preparava a conoscere la terra in cui io ero nata e da cui, come la maggior parte dei giovani, ero andata via per cercare un futuro migliore, una possibilità o un’alternativa) in provincia di Foggia, in un ridente e montuoso paesino dei Monti Dauni a circa 550 m. di altezza dal livello del mare, Deliceto in provincia di Foggia.
Se vi racconto tutto questo E’ perchè è estremamente importante affinchè possiate capire le nostre scelte, e la nostra idea di matrimonio.
Deliceto come molti piccoli paesi del Sud non offre molto agli occhi dei molti, il lavoro per i giovani è mal pagato, e quando c’è ti viene fatto vedere come un lusso e di conseguenza devi sottostare alle leggi di un padrone poco attento alle tue esigenze e preoccupato esclusivamente dei suoi interessi. Per due anni cosi abbiamo fatto i più disparati lavori, sopravvivendo e facendo molti sacrifici, l’unico aspetto che ci ripagava forse, era l’idea di vivere in un piccolo paese in cui poter respirare aria buona e mangiare bene.
Nonostante la nostra precaria situazione economica, abbiamo cominciato a fantasticare sull’idea di poter realizzare il nostro sogno d’amore, sposarci, e formare cosi finalmente una famiglia. Abbiamo sempre pensato che ce l’avremmo fatta perchè la più grande forza eravamo noi, ed insieme tutto era possibile.
Da sempre appassionati a modelli di vita eco-sostenibile, cibo a Km 0, riciclo creativo, natura e convinti che la più grande forza fosse l’unione, la cooperazione tra individui che si instaura nei momenti di bisogno, abbiamo pensato a come realizzare concretamente il nostro sogno.
Anticamente il matrimonio era un rito molto semplice,si avvaleva principalmente dell’aiuto dei familiari e degli amici stretti.
Avevamo quindi bisogno di due cose:l’aiuto delle persone che ci volevano bene e magari anche di estranei, persone esterne al nostro nucleo familiare a cui raccontare la nostra storia sperando cosi di ottenere da ognuno un piccolo aiuto in termini di organizzazione e materia prima, nonchÈ la condivisione delle nostre idee.
Nacque cosi l’idea degli sponsor: aziende che potessero fornirci dal cibo, al tovagliato, ai servizi personali quali parrucchieri, estetista, sarta, materiale per la costruzione dell’allestimento etc
Matrimonio al green ì cominciò a prendere forma…
la storia che di li a poco avremmo scritto era qualcosa di meraviglioso perchÈ coinvolgeva non solo gli sposi ma tutti coloro che credevano nei nostri ideali e in un’idea alternativa di matrimonio: un matrimonio al green che rispettasse criteri di eco-sostenibilit‡, che partiva senza un budget, completamente ìal verdeî, appunto.
L’idea era quella di porre l’attenzione e lo sguardo alla ìqualit‡î e non alla quantità: pochi addobbi e realizzati con materiali di riciclo,bomboniere e confettate realizzate a mano, addobbi realizzati a mano, allestimento completamente costruito da noi, insomma qualsiasi cosa doveva avere una sua storia ed un suo perchè. Il lavoro era davvero immenso ma ciò non ci spaventava, eravamo felici ed appassionati e questo traspariva dai nostri discorsi agli sponsor ed agli amici che subito hanno abbracciato, ognuno a suo modo, la nostra causa.
Vi racconto dunque dove abbiamo risparmiato sia grazie agli sponsor ma soprattutto grazie alla disponibilità affettiva di chi ci vuole bene.

matrimonio al verde

GLI ABITI DEGLI SPOSI:
L’abito della sposa è stato completamente riciclato: mia madre aveva un negozio di abbigliamento tanti anni fa, una sera, parlando con una mia cara amica, nonchè sarta, che avrebbe dovuto cucirmi il vestito, ricordai che tra i vecchi abiti del negozio di mia madre, ce ne era uno da sposa, molto semplice, ed alla quale ero emotivamente legata perchè lo ammiravo e sognavo da quando ero bambina. Dopo averlo provato, l’unico scoglio era la taglia ( mi andava un po’ stretto), decisi quindi di perdere qualche kg pur di ìentrarci dentro, inoltre la sarta avrebbe fatto qualche semplice modifica per renderlo pi˘ moderno e simile a ciÚ che avevo sempre sognato. Cosi fuÖ
L’abito dello sposo è stato anch’esso in piccola parte riciclato, in quanto la giacca era tra le rimanenze del vecchio negozio di mia madre, il resto è stato acquistato. Il risparmio per entrambi ovviamente è stato davvero considerevole, si cancellava cosi dal nostro bilancio una voce che altrimenti sarebbe stata molto esosa.

TRUCCO E PARRUCCO

Per quanto riguarda trucco e parrucco abbiamo avuto la fortuna di avere come sponsor due fantastiche donne ed amiche, che a titolo completamente gratuito ci hanno coccolati, e resi davvero unici con semplicità e professionalità.
A Marco hanno tagliato i capelli e poi pettinato il giorno prima, io invece avevo scelto un’acconciatura molto semplice, una treccia un pò spettinata, che potesse accogliere una coroncina di fiori, veri, fatta di lavanda, rosmarino e fiorellini simili alle margherite. Il tema della lavanda e del rosmarino Ë stato poi ripreso nei fiori all’occhiello e nei braccialetti delle mamme degli sposi.


ALLESTIMENTO DELLA LOCATION : decorazioni e fiori

Questa Ë stata la parte più importante ed impegnativa del nostro matrimonio perchè richiedeva un dispiegamento di forze non indifferente. Abbiamo cominciato a programmare l’allestimento quasi un anno prima ed il lavoro vero e proprio è durato una settimana, tutti i giorni mattina e pomeriggio raggiungevamo il luogo del ricevimento per portare tutto ciò che serviva ad allestire, ci siamo avvalsi in questo dell’aiuto di familiari ed amici. Era nostra intenzione, seppur con i dovuti rischi festeggiare il nostro matrimonio in un luogo suggestivo e per noi particolarmente importante: un bosco. Significava dunque costruire, seppure in maniera semplice, una struttura che potesse accogliere i nostri ospiti, un luogo immaginario che potesse farli sentire a loro agio.
Abbiamo optato innanzitutto per un’unica tavolata, in cui ognuno potesse sentirsi libero si sedersi o meno, con posti non assegnati e costruita con tavole di legno e balle di fieno. Anticamente le feste di matrimonio si svolgevano in campagna, all’aperto e con un’unica tavolata.
Abbiamo in oltre creato un’illuminazione che avvolgesse in nostri ospiti con delle luci a schiera, in serie, e dalle calde tonalità in modo da non alterare troppo la naturale oscurità che nel bosco si respira in assenza di presenza umana. Il nostro impatto in termini ecologici doveva essere minimo, infatti l’illuminazione è stata attivata solo a serata inoltrata (essendo luglio, ed i pomeriggi più lunghi, ci siamo potuti servire della luce naturale per molte ore).
Abbiamo poi creato una piccola zona relax con divanetti costruiti con balle di fieno ed una zona, intorno ad una bellissima quercia secolare, in cui poter ballare, uno spazio in mezzo agli alberi per i bambini e definito cosi lo spazio per il nostro percorso del gusto.
Il percorso del gusto era la tappa obbligata alla quale ogni invitato doveva avvicinarsi: abbiamo scelto di non fare servizio al tavolo ma di invitare le aziende del territorio che si sono offerte come sponsor, ad esporre i loro prodotti in singoli buffet, cosi ognuno di loro aveva la possibilità di presentare se stesso ed il proprio prodotto. Dal pane ai suoi derivati, ai latticini di mucca e di capra, alle specialità di carne ed infine ai prodotti tipici e tradizionali della nostra terra preparati da sapienti signore ed amiche di famiglia che si sono offerte di cucinare per noi (compresi i dolci e la torta nunziale).Ogni ospite poteva avvicinarsi e prendere ciò che desiderava.
I tavoli erano apparecchiati (il tovagliato ci è stato offerto come sponsor) e decorati con centro tavola realizzati da una nostra parente con fiori della zona, di stagione, e materiali di riciclo (bottiglie, vasi di latta, fette di tronchi e barattoli). Le stoviglie sono state ordinate su internet in un sito che tratta stoviglie compostabili e biodegradabili, completamente di cellulosa, mentre le posate ci sono state prestate, ed i bicchieri li abbiamo presi qua e la…erano tutti meravigliosamente diversi e colorati (ho passato giorni a lavarli tutti…). I segna posto li abbiamo realizzati con fette di piccoli tronchi, scritte a mano da noi, e le posate rilegate ad un tovagliolo con una spiga di grano e dello spago (il tutto una settimana prima del matrimonio…una per una).
Importante è stato raccogliere tutto il materiale riciclabile possibile nei mesi precedenti: dalle cassette della frutta, ai pallet, ai barattoli, ai vecchi oggetti (cornici di quadri da appendere agli alberi, cesti, lucine di natale, candele etc).
I fiori: la maggior parte dei fiori usati sono stati raccolti dagli sposi il giorno prima del matrimonio, essenzialmente per strada, perlopiù fiori di stagione: lavanda, rosmarino, cardi, spighe di grano, salvia. Altri fiori, come quelli per le coroncine delle damigelle, e l’allestimento del castello di Deliceto in cui si è svolto il rito civile, sono stati gentilmente offerti dalla zia dello sposo, nonchè fioraia di professione, che si è dedicata poi ad una parte dell’allestimento insieme a delle care amiche.
Tutto l’allestimento è stato preparato, organizzato e realizzato non solo dagli sposi, ma gran parte, da amici, conoscenti e parenti che per noi e con noi, hanno lavorato instancabilmente fino al giorno del matrimonio, che fortunatamente si teneva di pomeriggio, abbiamo avuto cosi più tempo per prenderci cura di ogni particolare (naturalmente tanti sono stati gli imprevisti e le dimenticanze).

RITO
Ci siamo sposati il 18 luglio del 2015, di pomeriggio. Io sono arrivata a piedi come si faceva una volta, con un corteo di amici e parenti ed a precedermi la banda del paese che annunciava a tutti il mio arrivo. Dopo un lungo e caloroso discorso, ci siamo scambiati le fedi e letti delle promesse davanti a tutti. Alla fine della cerimonia il tradizionale ed antico lancio del grano simbolo di prosperità, nonchè della nostra terra. All’uscita ci attendeva un vecchio ì tre ruote di una nostra cara amica, addobbato con spighe di grano, lavanda e cuscini su cui sedersi, che ci avrebbe portato a fare il giro del paese. Arrivati nella piazza principale, ad attenderci il vecchio maggiolone di mia madre ci avrebbe portati nel bosco. Prima di arrivare al bosco abbiamo fatto degli scatti suggestivi e scherzosi in campi di grano, pannocchie ancora verdi e cipolle.

IL SERVIZIO FOTOGRAFICO ED IL VIDEO
Il servizio fotografico ci è stato gentilmente offerto da più fotografi, due erano cari amici, uno mio fratello, che si è occupato anche della parte video (oltre che dell’intera organizzazione del matrimonio) ed altri due sono venuti semplicemente incuriositi dall’evento. Insomma…le foto non sono mancate!

LOCATION
La festa è proseguita poi nel bosco dei Paduli, tra Deliceto ed Accadia in provincia di Foggia, distante pochi km dal paese.
Li ad attendere i nostri ospiti una lunga tavolata, un’area relax, un’area bambini, il nostro percorso del gusto ed i camerieri con tutto il personale preposto all’evento.
Dopo la degustazione del cibo la festa è proseguita nella più totale euforia ed armonia, abbiamo ballato fino a tarda notte, ci siamo abbracciati, abbiamo pianto e ci siamo emozionati: tutti eravamo felici di ciò che insieme avevamo realizzato.

BOMBONIERE
Abbiamo deciso di regalare ai nostri invitati un prodotto della nostra terra ed a Km 0, anche questo un regalo, ossia del miele millefiori prodotto nella zona, dal padre di un nostro caro amico. Abbiamo cosi decorato, uno ad uno, il barattolo, ed aggiunto un dosatore per il miele come ricordo indelebile del nostro grande giorno, in quanto volevamo anche qualcosa che restasse concretamente ai nostri cari. Anche le confettate sono state realizzare una per una a mano,dalla bustina ai bigliettini con la data. Il tutto con materiali che avevamo in casa.

FEDI
Le fedi state disegnate apposta per noi, su nostra personale idea, dal nostro sponsor, una dolcissima orefice che si è offerta di aiutarci ed ha creduto nel nostro progetto.
ACCESSORI SPOSO E SPOSA
Per quanto riguarda gli accessori degli sposi ci siamo rivolti per i gemelli dello sposo e gli orecchini della sposa ed un altro orafo locale, che sorpreso dalla nostra iniziativa e tenacia ha voluto aiutarci regalandoci anch’esso qualcosa. Il grado di empatia che si è sviluppato con alcune persone (sponsor) durante il nostro cammino è stata una delle esperienze più belle e significative di tutta questa storia.
Una nota importante la merita la mia collana perchè è stata realizzata completamente a mano con la tecnica del chiacchierino da una mia carissima amica.

TORTA
La torta è stata realizzata su mia richiesta da una mia cara amica, che si è occupata anche dell’allestimento della location, e che insieme a me ha studiato, pensato e valorizzato il nostro matrimonio fin dal primo giorno, con amore, stima e dedizione. Volevo una torta semplice, senza sovrastrutture e che fosse soprattutto buona da mangiare oltre che bella da vedere. Ho scelto quindi una Naked cake o torta nuda, realizzata con pan di spagna, ricoperto a strati di panna e frutta. Credo sia una delle torte più belle che abbia mai visto.

AREA BAMBINI
Abbiamo pensato anche ai bambini ed alle loro mamme realizzando una piccola area allestita con festoni, una piccola balla di fieno che fungeva da tavolo, dove potessero giocare e disegnare, tappeti e cuscini su cui distendersi e qualche giocattolo.

PAROLA D’ORDINE: LIBERTA’
Abbiamo chiesto ai nostri ospiti di sentirsi liberi nell’abbigliamento, non solo perchèin realtà la location richiedeva abiti semplici, ma anche perchè consapevoli delle spese che un matrimonio richiede anche per gli ospiti. La maggior parte di loro infatti ha colto il nostro invito cambiandosi d’abito poi prima di arrivare al bosco. Inoltre abbiamo anche precisato che non volevamo nessun regalo, l’unica cosa che ci premeva era la loro presenza ed il loro aiuto concreto ove possibile. Questo era il più grande regalo che potessero farci.

matrimonio al verde

ELENCO DEGLI SPONSOR (ecco cosa abbiamo risparmiato completamente o in parte)

FEDI :SPONSOR TOTALMENTE GRATUITO
FOTOGRAFIE E VIDEO: SPONSOR TOTALMENTE GRATUITO
ALLESTIMENTO, FIORI, BALLE FIENO, TAVOLE LEGNO, TOVAGLIATO, DECORAZIONI CON SCARTI DI LEGNO, SPONSOR TOTALMENTE GRATUITO
TRUCCO E PARRUCCO SPOSO E SPOSA: SPONSOR TOTALMENTE GRATUITO
VESTITO SPOSA: RICICLATO
GEMELLI E ACCESSORI VARI: SPONSOR TOTALMENTE GRATUITO
BOUQUET DELLA SPOSA E CORONCINE DI FIORI: SPONSOR TOTALMENTE GRATUITO/ZIA DELLO SPOSO
BANDA DEL PAESE: DONAZIONE PERSONALE DEGLI SPOSI
DJ: AMICO DI FAMIGLIA A TITOLO GRATUITO
CIBO:
PANE E DERIVATI: SPONSOR TOTALMENTE GRATUITO
VINO: SPONSOR CON AGEVOLAZIONE SUL COSTO E SPEDIZIONE GRATUITA
TORTA E DOLCI: SPONSOR TOTALMENTE GRATUITO/ COLLABORAZIONE DI AMICHE DELLA SPOSA
LATTICINI MUCCA/CAPRA: SPONSOR CON AGEVOLAZIONE
VERDURE E FRUTTA A KM 0: SPONSOR CON AGEVOLAZIONE
PRODOTTI DI CARNE: SPONSOR CON AGEVOLAZIONE
MIELE PER LE BOMBONIERE: SPONSOR A TITOLO GRATUITO
STRUTTURE CHE HANNO OSPITATO PARENTI: SPONSOR CON AGEVOLAZIONE
COSTO TOTALE DEL MATRIMONIO: 5,000 EURO
Il resto delle spese comprende il personale (camerieri, parcheggiatore e guardiano nel bosco per la notte, figure varie), il materiale non riciclabile per l’allestimento e la cancelleria, le scarpe degli sposi, una parte del vestito dello sposo.
Ci sono state poi tante persone che hanno deciso di aiutarci, commossi e meravigliati dal nostro gesto, e queste sono ancora pi˘ importanti. Altre avrebbero voluto aiutarci ma non hanno osato chiedere per paura di essere inopportuni.
Matrimonio al Green è stata una esperienza a livello umano davvero toccante ed indimenticabile. Abbiamo imparato che la fiducia, la cooperazione ed il coraggio di sognare sono il motore portante della nostra vita futura. Abbiamo sperimentato la stanchezza, la paura di non farcela, l’ansia per gli imprevisti che inevitabilmente si sono presentati, ma nonostante tutto siamo riusciti a fronteggiare ogni eventualità. Matrimonio al green è stata la festa di tutti coloro che l’hanno reso possibile ed è per questo che è stato speciale.
Il nostro messaggio è che si può fare, se hai perseveranza e determinazione. Se credi in ciò che sei ed in quello che fai.
Matrimonio al Green è stato una sfida, un sentiero difficile ed a volte incompreso anche dalla nostra famiglia.
Matrimonio al Green si presenta come risposta e schiaffo morale alla crisi, allo spreco del tempo e del denaro, delle risorse preziose che la terra ci offre e di cui non riusciamo ad essere grati.
Matrimonio al Green vuol dire fiducia nel prossimo, un grande insegnamento per noi tutti.
Matrimomio al Green sarebbe stato cosi anche se avessimo avuto i mezzi per farlo diverso, o come tutti gli altri matrimoni.
Matrimonio al Green è Marco e Desiree, Ë Luigi e Pina, Valentina, Almudena, Simona, Giovanna, Mattia, Tullia, Sandrino, Peppe, Federica, Fede, Bruna, Nonna Angelina, Zia Rosanna, Zio Toto, le nostre mamme, zia Concetta, Giulio, Lorenzo, e tutti coloro che ne hanno preso parte.

DESIREE E MARCO

La Castità Prematrimoniale come scelta di vita. Entra a far parte di Cuori Puri, iscriviti e potrai richiedere l'anello.