LA CASTITA’ SECONDO GIOVANNI XXIII – LA SUA CASTITA’ ANGELICA

LA CASTITA’ SECONDO GIOVANNI XXIII – LA SUA CASTITA’ ANGELICA

Giovanni XXIII

Enciclica

Sacerdotii Nostri primordia

La sua castità angelica

San Giovanni Maria Vianney, povero di beni, fu ugualmente mortificato nella carne. ” Non vi è che una maniera di darsi a Dio nell’esercizio della rinunzia e del sacrificio – egli diceva – darsi cioè interamente “. E in tutta la sua vita praticò in grado eroico l’ascesi della castità.

Il suo esempio su questo punto sembra particolarmente opportuno, perché in molte regioni, purtroppo, i sacerdoti sono costretti a vivere, a motivo del loro ufficio, in un mondo in cui regna un’atmosfera di eccessiva libertà e sensualità. Ed è troppo vera per essi la espressione di San Tommaso: ” E’ alquanto difficile vivere bene nella cura delle anime a causa dei pericoli esteriori “. Spesso, inoltre, essi sono moralmente soli, poco compresi, poco sostenuti dai fedeli, cui si dedicano. A tutti, specialmente ai più isolati e ai più esposti, Noi rivolgiamo qui un caldissimo appello perché la loro vita intera sia una chiara testimonianza resa a questa virtù che San Pio X chiamava ” ornamento insigne dell’Ordine nostro “. E vi raccomandiamo con viva insistenza, Venerabili Fratelli, di procurare ai vostri sacerdoti, nel miglior modo possibile, condizioni di vita e di lavoro tale da sostenere la loro generosità. Bisogna cioè ad ogni costo combattere i pericoli dell’isolamento, denunciare le imprudenze, allontanare le tentazioni dell’ozio o i rischi dell’esagerata attività. Ci si ricordi ugualmente a questo riguardo dei magnifici insegnamenti del Nostro Predecessore nell’enciclica Sacra virginitas.

” La castità brillava nel suo sguardo “, è stato detto del Curato d’Ars. Realmente chi si pone alla sua scuola è colpito non solo dall’eroismo con cui questo sacerdote ridusse in servitù il suo corpo (cf 1 Cor 9,27), ma anche dall’accento di convinzione con cui egli riusciva a trascinare dietro di sé la moltitudine dei suoi penitenti. Egli conosceva, attraverso una lunga pratica del confessionale, le tristi rovine dei peccati della carne: ” Se non ci fossero alcune anime pure per ricompensare Dio, sospirava…, vedreste come saremmo puniti! “. E parlando per esperienza, aggiungeva al suo appello un incoraggiamento fraterno: ” La mortificazione ha un balsamo e dei sapori di cui non si può fare a meno quando li si abbia una volta conosciuti… In questa via quello che costa è solo il primo passo! “.

Questa ascesi necessaria della castità, lungi dal chiudere il sacerdote in uno sterile egoismo, rende il suo cuore più aperto e più pronto a tutte le necessità dei suoi fratelli: ” Quando il cuore è puro – diceva ottimamente il Curato d’Ars – non può fare a meno di amare, poiché ha ritrovato la sorgente dell’amore che è Dio “. Quale beneficio per la società ave-e nel suo seno uomini che, liberi dalle preoccupazioni temporali, si consacrano completamente al servizio divino e dedicano ai propri fratelli la loro vita, i loro pensieri e le loro energie! Quale grazia sono per la Chiesa i sacerdoti fedeli a questa eccelsa virtù! Con Pio XI Noi la consideriamo come la gloria più pura del sacerdozio cattolico, e ” per quanto riguarda le anime sacerdotali, Ci sembra rispondere nella maniera più degna e conveniente ai disegni e desideri del Sacratissimo Cuore di Gesù “. Pensava a questo disegno dell’amore divino il Santo Curato d’Ars, quando esclamava: ” Il sacerdozio, ecco l’amore del Cuore di Gesù! “.

Condivisioni 0

 
 
 

La Castità Prematrimoniale come scelta di vita. Entra a far parte di Cuori Puri, iscriviti e potrai richiedere l'anello.